martedì 10 febbraio 2015

muto buio


FEBBRAIO AL CARMINE

gelido discende su fuliggini e santi 
della muta navata nel divino buio 
dei passi tardi croccia secco 
lo scalpiccìo

nell’immenso vuoto d’ogni Dio
porto di pensieri e ceri creanza
di anni alla tua Donna 
nera sembianza che inganna
speranze a ogni vuota stanza

d’amore – angeli trepidano
sulla cera di luce combusta
che di quiete odora nuda
uguale alla pelle sua
già di fumo voluta.

G. Nigretti da Derive d'inverno 2011/2012

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie