mercoledì 1 maggio 2013

uno di maggio

frammenti da "Lavorare stanca" di Cesare Pavese

« Ma la notte ventosa, la limpida notte
che il ricordo sfiorava soltanto, è remota,
è un ricordo. Perdura una calma stupita
fatta anch'essa di foglie e di nulla. Non resta,
di quel tempo di là dai ricordi, che un vago
ricordare.»

« L'ho creata dal fondo di tutte le cose
che mi sono più care, e non riesco a comprenderla.»

« I lavori cominciano all'alba. Ma noi cominciamo
un po' prima dell'alba a incontrare noi stessi
nella gente che va per la strada...
La città ci permette di alzare la testa
a pensarci, e sa bene che poi la chiniamo»

« ... fa freddo, nell'alba,
e la stretta di un corpo sarebbe la vita.»

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie