domenica 19 maggio 2013

ciò che resta



L’UOMO di F. Hölderlin

Chi vive a sé e si mostra quanto resta,
è come dividesse il giorno in giorni.
È un piegarsi squisito a ‹‹ciò che resta››,
diviso da natura, senza invidie.

È come solo, in altro, vasto vivere,
con verdi primavere e lenti estati amiche,
finché cala veloce l’annata nell’autunno
e ci avvolgono sempre nubi e nubi.

Il 28 luglio                     Con umiltà
     1842                                  Scardanelli

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie