lunedì 15 dicembre 2014

non tace

DI UMANO TEMPO

quel che permane e senza nome scende
su carte per derive già saliva
–  nera parola oggi lo scrive da sola – 
e quel che sul velo segna era già di voi 
voce, come quella che in sogno di casa
qui giace d’eretico amore arsa 
e di umano tempo andato non tace.

Uguale è questa primavera: eco di rose
in carne tracima fiamma di voce reale.

G. Nigretti da Derive nel vento 2014

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie