lunedì 8 dicembre 2014

di luna


DI LUNA

Folata d’occhi sgrana
l’aria – senza segno o
parola sulla sera piana
s’invola

a lumera di luna
una nenia amara
canta lontana 

a fili d’argento cadente
stella si spoglia

fumida la notte s’abbuia
scabro di luna m’addoglia.

G. Nigretti da Derive di notte 2009/2010

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie