giovedì 24 settembre 2015

desiderium


(Desiderium collium aeternorum) di Mario Luzi

Guardai quelle colline,
                             erano vere
o le aveva
un allungo celestiale
del pensiero
fatte nel sogno intravedere
tra le mire
             del perenne desiderio?
là si erano
a lungo
         come da un esilio
diretti oscuramente
i pensieri del ritorno,
su loro erano scorsi
anelando
           i miei pensieri
anche quando pensavano ad altro –
e ora uscivano
in una struggente trasparenza
a un incontro
con l’antica ansia,
a un promesso appuntamento
di luce, di verità immanente…

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie