domenica 16 agosto 2015

tardo pelago

LACERE ICONE

D’albe e di ieri nel tardo pelago
di carne lo sguardo e il fiato tuo
avrei colmato. Ora a voce vaga
dal pianale di carta emergono

e nei dedali di lacere icone
l’oscura lingua mi naufraga
verso quella voragine larga
questa carcassa viaggia

giorno pietoso l’affossa
nel profondissimo nulla 
amari specchi l’avvolgono
con mendicanti parole

scendo fra l’infrante memorie
di macerie indugiano stagioni
dove l’ultimo sole s’affoga 
ti velano in lacere icone.

G. Nigretti da Derive eretiche 2009

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie