giovedì 16 luglio 2015

nei guardi

LUGLIO AL CARMINE

di febbre calida avvolge
la sera della Madonna Nera
e le genti tutte giù al mare

in festa stanno – per quella
meraviglia che a faville 
gli occhi loro accende 

di gioia, di bagliori – fra le onde
sugli antichi sedili: quanti fuochi
nei guardi nostri abbiamo acceso

(forse pochi son stati nei suoi,
ed ora dove sono più non so)

Poi del silenzio torna il clamore
e quel che resta è solo rumore
e fumo

spinto lontano dal maestro vento
vado nell’aria via da quest’amara
allegria.

G. Nigretti da Derive di aria 2012

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie