sabato 16 maggio 2015

primavera


SOTTO IL TETTO

di quel che sempre ci aspetta
non ci rendiamo conto mai
quando nel viavai, di noi fermi
sul monte di ablativi stava il cielo
ed il vento all’aria disse: “perdona
loro, perché non sanno quel che fanno
colle pie parole e senza carne vera

un vacuo di primavera crudo porta
un sorgivo eco d’amore su carta.

G. Nigretti da Derive di carta 2015

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie