sabato 18 aprile 2015

la vita

G. Nigretti "Ultima spiaggia" 2002/07, Digital Art
LA VITA COME POLTIGLIA SENZA FINE di Valerij Zemskick

Bisogna alzarsi
ma per questo bisogna svegliarsi
Bisogna ricordare
se adesso è mattina o sera
Bisogna separare i sogni dalla realtà
Bisogna abituarsi a essa
per questo occorre tempo
Bisogna andare a fare la doccia
allungare la mano fino al rubinetto
va bene se è a posto
Bisogna prendere il telo e asciugarsi le mani
il resto non importa
Bisogna andare in cucina
Bisogna accendere il bricco del tè
Bisogna trovare in frigo la kasa1 di ieri
Bisogna riscaldarla nel microonde
alcuni dicono che fa male
ma io non ci credo
Bisogna lavare i piatti
Bisogna lavarsi i denti
Bisogna accendere il computer
Bisogna andare su internet
guardare il mondo
poche le cose nuove
Bisogna leggere in zivoj zurnal2 un mezzo verso
o un primo rigo
Bisogna controllare la posta
Bisogna cancellare lo spam
Bisogna cominciare a correggere un libro d'altri
lì un ministro militare scrive del beneficio delle tasse
Bisogna salare la trota
Bisogna mettere a bollire
la testa
sarà pronta per pranzo
Bisogna arrivare a pranzo
Bisogna guardare alla finestra
e vedere il sole
a novembre è una rarità
Bisogna pulire le carote e metterle nel brodo
Bisogna aggiungere una foglia d'alloro
ma solo una
Bisogna aspettare
che venga fame
Bisogna pranzare
Bisogna guardare alla finestra
e vedere la luna
ma c'è ancora luce
Bisogna spiegargli che ha torto
Bisogna ricordarsi che oggi è sabato
ma questo non cambia nulla
Bisogna alzarsi dal tavolo e andare in cucina
Bisogna ricordare qualcosa
Bisogna spiegare
Bisogna fermarsi
in mezzo alla stanza
dimenticando dove si andava
Bisogna coricarsi
anche se è inutile
Bisogna capire che non è venuto nulla
Bisogna morire
questo eccome riuscirà
Bisogna forse alzarsi
Bisogna forse svegliarsi
Bisogna forse ricordarsi
se adesso è mattina o sera
Bisogna forse separare i sogni dalla realtà
Bisogna forse abituarsi a essa
non c'è tempo per questo
Bisogna forse andare a fare la doccia
Bisogna forse asciugarsi le mani
Bisogna forse prendere dal frigo la kasa di ieri
Bisogna forse lavare i piatti
Bisogna forse lavarsi i denti
Bisogna forse accendere il computer
andare su internet
non c'è né ci sarà nulla di nuovo
Bisogna forse leggere versi
Bisogna forse controllare la posta
Bisogna forse salare la trota
Bisogna forse arrivare a pranzo
Bisogna forse guardare alla finestra
là non c'è né luna né sole
Bisogna forse spiegare
Bisogna forse ricordarsi
Bisogna forse coricarsi
ma è inutile
Bisogna forse capire che non è venuto nulla
Bisogna forse morire
questo eccome riuscirà

1 Piatto tradizionale russo a base di cereali lessati. 
2 Versione russa di LiveJournal, diario online.

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie