sabato 23 agosto 2014

scogliera

ALLE DURE RADICI

Sbattendo polpi sugli scogli 
di fianco come vita scialba 
sfugge spuma fra le onde

alle dure sponde insicure
ritornano le nuove madri
hanno molli i tatuati ventri

queste dimentiche figlie urlanti
a piccole birbe dei monelli figli 
già velati fra le ali degli anziani 

e come i gabbiani dalle mie mani 
bramano molli le panze sbattute 
fra l’essenze cadute – in fessure 

di scogliera schivi granchi osano
la chiara linfa che spargo duro 
come in questa molle donna

che d’agro porto già guadato
di notte vuoto e tagli appresta
in vene piene di bianchi abbagli

le giornate mie cucino e salo
nei vapori gli sfumati sogni 
e di ieri le pescate speranze

nessun ventre oggi accoglie.

G. Nigretti da Derive amare 2004/05

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie