lunedì 30 giugno 2014

a l'amo




VILLANE FACCIATE


La prima sensazione volare
poi mi ha ripreso all’amo
di una felicità non contagiosa
dopo il crollo chiarificatore
di ogni sereno dubbio interiore.

Nel naufragio c’è la rinascita
quindi a manca sicuro navigo
nei placidi porti non guado
della assenza sua odorano.

. . . . . . . . . .

Fuori dai densi piaceri
rimpiante stagioni percorri
nel dolo a briglie sciolte
ti trottano al cocchio
del fantoccino – nero
ogni notte dal chiuso scuro
attendi che a stelle rosa e
gialle tinte nel buio dipinga
il fiele delle villane facciate
flesse nello specchio sbiadito
dall’eclisse quotidiano.

 G. Nigretti da Derive Amare 2004/05

Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie