giovedì 10 novembre 2016

in gola


NOTTURNA

poi mi venne

addosso
la notte
di quelle a stelle
e finestre rotte.

Digiuna cadde

pure la mezza luna
fra verghe, urina e
vetro
vuoto e larve ingoiava

con alito a fiori

d’asfalto
diluendo parole
e amore
d’ancella in gola spezzò
ogni stella

già cadente

mondana s’appese
de drio la meridiana mia
con ascelle pelose e
labbra umettate

bava sulla poesia colava

(come di rana notturna puttana)
pensai a un bruco
di nostalgia
ma era saliva
d’ipocrisia.

G. Nigretti da Derive di notte 2009/2010


Nessun commento:

Posta un commento

i messaggi saranno visibili dopo la moderazione dell'amministratore. Grazie